giovedì 21 luglio 2011

Special thanks to Aram Bajakian

Non potete immaginare l'emozione provata quando aprendo la posta  ho visto la mail di Aram Bajakian, uno dei chitarristi nella formazione del tour  Europeo di Lou Reed, collaboratore di John Zorn e affermato musicista newyorkese.
Gli scrissi perchè volevo ringraziarlo e fargli i complimeti per il Cd acquistato ''Aram Bajakian's Kef'' e si è anche ricordato chi fossi. Certo che una tizia barcollante con zaino in spalla pieno zeppo di bottiglie vuote semi penzolanti che ti si avvicina molesta, compra il cd e ti bacia senza pensarci due volte non puoi certo dimenticarla...
Ho già accennato nella pseudo-recensione sul concerto di Lou Reed di aver comprato questo disco presso il banchetto subito fuori dal Tetro Greco. Con me, anche altre persone hanno avuto la fortuna e
l' interesse di farsi avanti per entrare in possesso di questo album che si è rivelato essere una goduria.
Li firmava tutti e chiaccherava con tutti, scartava ogni singolo cd riponendo accuratamente la plastica nel suo  zainetto, non ho ben capito cosa mi stesse dicendo, forse qualcosa inerente il concerto appena concluso, ma ero abbondantemente brilla e l'inglese non è il mio forte. Mi ha fatto una così tanto bella imprrssione che non ho resistito, mi sono lanciata mollandogli un  bacio schioccoso sulla guancia pallida.
Dodici pezzi stupendi,  il link del  sito per acquistare il cd è inserito a fine articolo,  fatevi avanti e ditegli pure che vi  manda io!  (ma anche no)

Parliamoci chiaro, codesta persona è in tour con Lou Reed, suona con John Zorn, è un genio della chitarra, io l'ho visto, l'ho sentito, quando suona ci mette anima e corpo mi ha fatto venire i brividi. E' un mito.
Non sono il tipo che si fionda su un banchetto solo perchè il tizio in questione suona con  Lou Reed intendiamoci, io mi fiondi ai banchetti come regola generale.
Mi ha reso così felice vedere la disponibilità di questo ragazzo, che avrei potuto perdere la testa e  proporgli un uscita con l'incognita da li a breve.
Ma poi, parliamoci chiaro, non ha solo risposto alla mia mail tanto carinamente, ma anche alla successiva e tanto per rinfrescarvi la memoria, io non sono Claudia Shiffer!  
Gente credetemi quando dico che in tanti anni di feste, concerti, piazze e artisti di ogni tipo che, o sono amici, o sono innavicinabili, questa è la prima volta che ho a che fare con un personaggio di questo spessore musicale e dalla spiccata predisposizione ai rapporti umani. Davvero una cara persona, bella, brava e simpatica.
La musica che ci piace  nasce dal cuore e dalla budella e credetemi, l'album vale tutti i soldini spesi.
Musica popolare tradizionale Armena rivisitata in chiave noise attraverso la miscela di due strumeti che messi insieme sapientemente sanno far rizzare il pelo, chitarra e violino come insegna Djaingo Reinhardt.
Musiche di Aram Bajakian, arrangiamenti Kef, prodotto da John Zorn per la serie Tzadik.
Saluto Aram Bajakian, nella speranza che mi legga, che torni presto in Sicilia, e sforni presto un altro progetto.


Per contatti
http://www.arambajakian.com
http://www.myspace.com/arambajakian